Il senso di Di Maio per il potere

Vi ricordate il Direttorio del MoVimento 5 Stelle? Era quell’organo istituito da Grillo e Casaleggio all’indomani della sconfitta alle elezioni europee del 2014 per coordinare il M5S. Grillo era “un po’ stanchino”, aveva bisogno di aiuto, così con un post sul Blog diede a cinque persone, tra cui Luigi Di Maio, l’incarico di coordinare le attività del partito.

Difeso a spada tratta dai cinque come organo informale per tenere unito il MoVimento e aiutare i fondatori nella sua gestione, il Direttorio venne sciolto meno di due anni dopo e l’unico referente di Milano e Genova diventò Luigi.

Oggi, dopo la nomina di Di Maio a capo politico per le prossime elezioni, nel gruppo parlamentare si è ricominciato a parlare della necessità di scelte “collegiali”, di un mini-direttorio. Il Candidato ha stroncato subito l’idea: “non serve”. Perché ha cambiato opinione così nettamente?

Scordate tutto quello che sapete e avete letto fin’ora. Il Direttorio fu, in realtà, strumentale alla scalata di Di Maio al vertice; fu imposto ai due garanti dopo mesi di pressioni, nel momento di massima debolezza di Casaleggio a causa della sua malattia. Ora che le redini del MoVimento sono saldamente nelle sue mani, perché mai dovrebbe condividere il potere con i suoi avversari?

Scrive uno dei futuri membri del Direttorio:

“È evidente che Pizzarotti & company stanno tentando la scalata. È altrettanto evidente che noi dobbiamo fare una sola cosa: anticiparli e disinnescarli con le nostre qualità… Alcuni parlamentari, manovrati da Parma, stanno pensando ad azioni che, seppur destinate al fallimento, ci continueranno a logorare per i prossimi mesi”

Viene poi proposta la costituzione di una “squadra di referenti su singole materie” che sarà coordinata da una persona fidata:

E sarà Luigi Di Maio, la persona che ha più capacità (molto ma molte più di me) nel portare a termine questo compito.

Nel libro trovate anche la rabbiosa risposta dei fondatori, per nulla entusiasti di mandare in soffitta il Non Statuto, che vietava esplicitamente la creazione di un coordinamento o una segreteria.

Sarà la prima di decine di violazioni, piccole e grandi, che cambieranno pelle al MoVimento, rendendolo uno strumento nelle mani di pochi, scaltri carrieristi a Cinque Stelle.

La sicurezza informatica in Casaleggio Associati: a quando è aggiornata?

Tra agosto e settembre 2017, il Blog di Beppe Grillo e la piattaforma Rousseau — che il MoVimento 5 Stelle usa per votare il proprio programma e scegliere i propri candidati — hanno subìto gravi e ripetute violazioni di sicurezza, come raccontato in modo preciso da David Puente in questi articoli.

Un utente anonimo ha dimostrato di poter accedere ai dati personali degli iscritti al partito e di poter manipolare le votazioni. Il Garante della Privacy ha aperto un’istruttoria, tutt’ora in corso.

È noto che beppegrillo.it sia gestito da Casaleggio Associati, azienda per cui ho lavorato dal 2007 al 2010, e che la piattaforma Rousseau sia stata inizialmente sviluppata dalla stessa società, che l’ha poi donata all’Associazione Rousseau fondata e presieduta da Davide Casaleggio.

Per capire le cause di questi incidenti può essere utile sapere come venivano gestiti i processi relativi alla sicurezza informatica in Casaleggio, almeno fino al 2010.

Gestione delle password

Le password di accesso a tutti i prodotti e servizi utilizzati venivano conservate in chiaro — cioè non criptate — in un file di testo salvato sul server aziendale, visibile a tutti i dipendenti. Il server si trovava fisicamente negli uffici di Milano ma era potenzialmente accessibile dall’esterno via Internet.

Ci veniva consigliato di non salvare quel file sui nostri computer personali, anche se non c’era il divieto di utilizzarli.

Un tweet di r0gue_0, che ha violato ripetutamente il Blog di Grillo e la piattaforma Rousseau tra agosto e settembre 2017

Aggiornamenti di sicurezza dei software

Per quasi tutti i siti sviluppati dall’azienda — ad esempio il Blog di Grillo, quello di Antonio Di Pietro e di Italia dei Valori — veniva usata la piattaforma di pubblicazione Movable Type. Questo strumento veniva spesso manipolato per aggiungere funzioni non previste nella sua versione originale: per questo motivo, si evitava l’installazione degli aggiornamenti rilasciati dal produttore — anche quelli di sicurezza — , essendo infatti complesso e costoso replicare le stesse modifiche dopo gli aggiornamenti stessi.

Risposta agli incidenti di sicurezza

Nel periodo 2007–2010 ho assistito ad alcune violazioni della sicurezza del blog di Beppe Grillo, in particolare alcuni “defacement” (cioè la modifica di alcune pagine da parte di terzi esterni).

Non ricordo ci fosse una specifica procedura di risposta agli incidenti di sicurezza, se non il fatto che il provider — l’azienda che forniva e amministrava i server — suggeriva sempre la reinstallazione di tutti i sistemi.

Dopo quegli attacchi ci si era affidati ai tecnici del provider per cercarne le cause e si era discusso internamente la possibilità di rintracciare i responsabili. Una vulnerabilità, in particolare, riguardava il modulo di contatto del Blog, che permetteva l’invio di file allegati senza un preventivo controllo di sicurezza. In quel caso, la soluzione individuata dal responsabile aziendale fu quella di cambiare nome ai file con determinate estensioni (.gif, .exe, .php, …) che venivano caricati.

Ovviamente, non so se dopo il 2010 siano state definite procedure e protocolli diversi. Ad oggi, però, il Blog di Beppe Grillo utilizza una versione obsoleta (4.31) di Movable Type, rilasciata il 20 agosto 2009.

Nelle mani di chi

M5S violato: il primo partito italiano è “a disposizione”

Danilo Toninelli, foto da linkiesta.it

Lo stesso hacker che in agosto aveva dimostrato quanto fosse vulnerabile la piattaforma Rousseau si ripresenta oggi, pubblicando immagini che sembrano confermare che il voto per il candidato premier M5S non è stato affatto sicuro.

Ci sono due aspetti su cui si deve riflettere, perché stiamo parlando del primo partito del Paese, che il prossimo anno potrebbe avere responsabilità di governo.

Il programma

I punti del programma, almeno fino ai primi di agosto, sono stati votati sulla stessa piattaforma. Siamo sicuri che interessi più o meno grandi non abbiano investito qualche soldo per manipolare e orientare il voto, dato che sembra essere così semplice?

No, non lo siamo e non possiamo esserlo: tutte le votazioni su Rousseau sono da considerarsi potenzialmente manipolate. Il sistema è palesemente insicuro, sono stati commessi errori grossolani, sia dal punto di vista tecnico che per quanto concerne la comunicazione delle violazioni di sicurezza.

In un momento storico in cui perfino gli Stati Sovrani indagano sulla sicurezza dei processi democratici “offline”, affinati in centinaia di anni, davvero vogliamo affidare la stesura di un programma a un sistema così facilmente permeabile a infiltrazioni e manipolazioni?

Per chi volesse approfondire il tema della permeabilità e scalabilità del MoVimento 5 Stelle, vi consiglio il libro che ho scritto insieme a Nicola Biondo: Supernova — Com’è stato ucciso il MoVimento 5 Stelle, disponibile su Amazon, Google Play, iBooks, IBS, e Kobo.

Il metodo

Il modo in cui sono state affrontate queste violazioni è imbarazzante. In estate, l’Associazione Rousseau — che amministra l’omonima piattaforma — ha affermato di aver denunciato il tecnico che per primo aveva segnalato a loro, non pubblicamente, la fragilità della piattaforma. Già questo è un errore grave: quel tecnico avrebbe dovuto ricevere un premio per l’aiuto fornito: Ora nessuno segnalerà più problemi su quel portale, lasciandolo in balìa dei malintenzionati.

Prima e durante il voto per il candidato premier, si sono sprecate frasi a effetto sulla rinnovata sicurezza di Rousseau. Al termine del voto il Blog di Grillo ha scritto:

“Nelle giornate di ieri e oggi abbiamo notato dei tentativi di attacchi, simili ai precedenti, che sono stati respinti. La nostra casa era difesa come una fortezza”.

Ancora oggi, il deputato Toninelli si mostra sicuro di sé, nonostante le tragiche evidenze:

“L’hacker Rogue? “Potrebbe dire qualsiasi cosa, non ci interessa. Non c’è stato assolutamente nessun attacco hacker riuscito. Cerca visibilià”.

Purtroppo, tutto questo evidenzia quanto il M5S e l’associazione Rousseau di Davide Casaleggio non abbiano chiara la gravità dell’accaduto e delle conseguenze. Oppure, peggio, dimostra la volontà di non affrontare seriamente il problema: è fallito, per ora, il tentativo di digitalizzare i processi democratici dei partiti.

La maggiore partecipazione non si ottiene a bassi costi e in sicurezza. Non si ottiene nemmeno a bassi costi e senza sicurezza: il numero di partecipanti e iscritti è comunque meno di un decimo di quello del secondo partito italiano, che usa metodi più tradizionali per scegliere il proprio segretario.

In questo modo, Rousseau è solo uno strumento nelle mani di chi vuole orientare le politiche del MoVimento 5 Stelle: per chi ha molto interesse per farlo e nemmeno troppo denaro, i cancelli della “fortezza digitale” sono spalancati.


Supernova — Com’è stato ucciso il MoVimento 5 Stelle è disponibile su Amazon, Google Play, iBooks, IBS, e Kobo

Io e Nicola Biondo abbiamo affrontato il tema della scalabilità e permeabilità del MoVimento 5 Stelle in Supernova — Com’è stato ucciso il MoVimento 5 Stelle. Eravamo presenti, dal 2007 al 2014, alla creazione e all’arrivo in Parlamento del M5S: in questo libro raccontiamo la storia di come il sogno di Gianroberto Casaleggio sia diventato un pericoloso inganno.

Supernova è disponibile su Amazon, Google Play, iBooks, IBS, e Kobo.

Rousseau e la Rete del Grillo

Nelle cronache la Casaleggio Associati è sempre definita come la società che gestisce la parte tecnica del Blog, del sito del MoVimento e della piattaforma Rousseau. È la riduttiva narrazione voluta dalla stessa azienda, quella che l’onorevole Luigi Di Maio racconta al Tg1 dopo la morte di Gianroberto. Ma, come abbiamo visto, non è così. L’azienda è il cuore pulsante del MoVimento, che ne è diretta emanazione; le mosse di Davide, in particolare la fondazione dell’Associazione Rousseau dalla quale tiene fuori Grillo, suggeriscono che non ci sia l’intenzione di dare un ordine chiaro ai rapporti tra i due soggetti.

Non è un problema da poco e non è un problema di denaro. O almeno non lo è secondo gli ordini di grandezza a cui eravamo abituati prima di Internet, quando la comunicazione di massa costava tanto.

Non importa quale sia l’entità degli interessi in gioco: è di rilevanza pubblica che una sola persona abbia una grande influenza su un partito potenzialmente di governo, potendo amministrare i suoi processi democratici con grande discrezionalità, senza poteri di controllo interni. Come funzioni la piattaforma Rousseau, quali siano i livelli di accesso e sicurezza, come avvenga il conteggio dei voti, quali siano considerati validi, chi può votare. Tutto ciò è deciso negli uffici di Milano. A Milano si decide quali liste certificare; a Milano si decide chi, tra gli iscritti, ha diritto di voto, visto che questo si acquisisce dopo che il proprio documento di identità viene “convalidato” dagli amministratori della piattaforma; a Milano si decide perfino se e quando indire delle votazioni; a Milano si conosce chi vota cosa e come, anche tra i parlamentari che utilizzano Rousseau.

È di rilevanza pubblica perché Davide Casaleggio è anche presidente della propria società commerciale. A nome di chi parla, quando incontra i suoi clienti e fornitori nel mondo bancario o tra le aziende statali? Per conto dell’azienda o del MoVimento? Quali interessi persegue quando presenta la sua piattaforma Rousseau? Quelli di propaganda del MoVimento o quelli commerciali, per dimostrare le capacità della sua azienda?

A nome di chi parlano i dipendenti della Casaleggio Associati quando si intromettono nella vita del MoVimento, come Maurizio Benzi, socio dell’azienda, quando intervenne contro il Senatore Louis Alberto Orellana nella riunione del MeetUp che portò alla sua espulsione?

E, conoscendo il potere di Casaleggio su tutti gli iscritti, quali interessi perseguono i parlamentari del MoVimento quando presentano leggi che riguardano il business della comunicazione e la tassazione delle multinazionali che operano in Rete? Quelli dei cittadini o quelli di Milano?

Tutte domande che trovano risposta nel macroscopico conflitto di interessi, aggrovigliato come una matassa, che per incapacità organizzativa, per inerzia o peggio la dirigenza e la proprietà del MoVimento hanno creato nel corso degli anni.

Ogni occasione di fare chiarezza è risultata complessa, e da questa situazione hanno tratto vantaggio solo i pochi che hanno le chiavi di tutta la struttura: Davide Casaleggio, i suoi fedelissimi, i suoi dipendenti, la sua azienda. Tutti coloro che hanno a che fare col M5S, che siano parlamentari, parti sociali, imprenditori, partner politici devono prima o poi passare al vaglio di Milano. Dentro o fuori; sì o no; buoni o cattivi: alla fine, tutto passa da via Morone secondo logiche non esclusivamente politiche.

Probabilmente è ormai troppo tardi per porre rimedio: ma sarà utile avere un quadro chiaro se, fra pochi mesi, il MoVimento vincerà le elezioni politiche.

Resta tuttavia una conclusione. Se Silvio Berlusconi oggi avesse avuto vent’anni di meno e avesse scelto di “scendere in campo” con un suo partito, probabilmente avrebbe utilizzato lo stesso schema di Grillo e Casaleggio: la Rete, le società collegate, le fake news, le consulenze…

Ridurre quel sogno di movimento popolare che era il progetto 5 stelle in una Forza Italia 2.0 è stato forse uno dei delitti politici più efferati di questi ultimi anni.

I conti dell’azienda

Per legge, una s.r.l. come Casaleggio Associati è obbligata a depositare un bilancio presso la Camera di Commercio. Non ci sono però vincoli sulla stesura del bilancio: non è obbligatorio rendere pubblica la lista di clienti e fornitori, e nemmeno dettagliare le voci di costi e ricavi. Non ci sarebbe nulla di male, se l’azienda non fosse sempre stata e sia ancora il motore e il fulcro di un movimento politico che è il principale partito di opposizione del Paese, e che ha ottime probabilità di diventare maggioranza alle prossime elezioni.

E’ quindi di interesse pubblico conoscere le fonti di ricavo dell’azienda e le influenze che nel corso degli anni hanno contribuito in maniera determinante al successo del Movimento.

I bilanci della Casaleggio Associati, bisogna sottolineare, non evidenziano flussi di denaro particolarmente importanti per un’azienda che occupa tra le otto e le dodici persone nel corso degli anni. Il problema, semmai, è il contrario: i rossi di bilancio non possono essere sostenibili per lungo tempo; vedremo come il controllo di fatto del Movimento ha consentito alla società di trasferire alcuni costi ad altri soggetti legati al Partito e a garantirsi vitali ricavi.

Il blog di Grillo apre nel gennaio del 2005 e viene pubblicizzato durante la tournée teatrale di quell’anno, dal titolo “beppegrillo.it”.

Quanto costa? Tanto. Casaleggio stimava all’epoca un investimento minimo di poco più di 130.000 euro all’anno. Nel 2005 i costi di banda sono più alti di quelli di oggi, così come i costi dei server. Al blog, nel 2005, lavorano 2–3 persone, tra tecnici e curatori di contenuti, tra cui lo stesso Casaleggio.

Grillo non crede nel progetto e non ci mette un soldo.

Vincitori e vinti

La notizia è che Farage non ha bisogno di Grillo per mantenere in piedi il suo gruppo parlamentare, ma è anzi il Movimento che ha tutto da perdere.

Partiamo da qui per spiegare perché Davide Casaleggio, Filippo Pittarello e Beppe Grillo hanno dovuto tornare con la coda tra le gambe da Farage per chiedere scusa e implorare di restare nel suo gruppo Parlamentare.

Nigel Farage

Adesso i rapporti di forza tra Grillo e Farage non sono più quelli di inizio legislatura, quando ciascuno aveva bisogno dell’altro. Farage, infatti, in questi due anni e mezzo si è tutelato e ha cooptato un numero sufficiente di parlamentari (devono essere almeno 25 da 7 stati membri diversi, ora sono 44 da 8 paesi) per poter fare a meno dei 17 del Movimento.

E’ questo il dato per capire chi vince e chi perde da questo passaggio determinante per il futuro del Movimento anche in Italia.

Oltre all’evidente danno di immagine, dai fatti degli ultimi giorni esce un solo vincitore, Davide Casaleggio, e un capro espiatorio, Filippo Pittarello, ex responsabile della comunicazione ora sostituito da Cristina Belotti.

Pittarello viene così “lasciato indietro”, sacrificato sull’altare dei soldi e della fedeltà alla dirigenza.

Per spiegare come, facciamo un passo indietro e ripercorriamo i fatti.

Negli ambienti di Bruxelles, era noto da circa un anno che il Movimento e Farage erano “ai ferri cortissimi”. Dopo la Brexit, David Borrelli e Filippo Pittarello cominciano a sondare il terreno per trovare nuovi partner.

Borrelli e Pittarello non sono persone qualunque: Borrelli, europarlamentare, è copresidente con Nigel Farage del gruppo a cui appartiene il Movimento. E’ il primo, inoltre, per il quale viene violata una regola importante del Movimento: si era candidato alla presidenza della Regione Veneto quando ancora era consigliere comunale di Treviso, senza essere sanzionato e, anzi, col diretto benestare di Gianroberto Casaleggio. E’ anche uomo di fiducia di Davide, suo socio nell’Associazione Rousseau, quella che gestisce i dati e il portale del M5s.

Filippo Pittarello, già dipendente di Casaleggio Associati e uomo ombra di Grillo nelle tournée teatrali, è il suo uomo di fiducia: quasi conterranei (Pittarello è di Padova), va a Bruxelles su precisa volontà di Gianroberto per sostituire Messora, ma sarà inizialmente assistente parlamentare proprio di Borrelli.

Dopo il rifiuto di tutti i gruppi papabili, compresi Verdi e Comunisti, trovano nell’ALDE, in particolare il capo delegazione Guy Verhofstadt, un interlocutore interessato a un accordo.

Iniziano con lui la trattativa per entrare nell’ALDE, i liberali, il gruppo di riferimento di Mario Monti, i più europeisti del Continente. Della trattativa, alla faccia della trasparenza, sono a conoscenza pochissime persone: oltre a loro, Cristina Belotti, Davide Casaleggio, Grillo (forse solo a cose fatte), Di Maio ( anche se lui pubblicamente smentisce) e pochi altri.

Se l’operazione andasse a buon fine, sarebbe un colpaccio: il Movimento farebbe meno paura e soprattutto Di Maio potrebbe spendere l’accordo, con il resto della leadership internazionale, come la prova che il suo partito è in grado di istituzionalizzarsi e condurre trattative con successo.

Anche Filippo Pittarello ne beneficerebbe: da tempo andava dicendo ai parlamentari più fidati che si sentiva a rischio, minacciato da Cristina Belotti, che gode della fiducia di Davide il quale, invece, Filippo non lo sopporta.

Le cose vanno diversamente: invece di verificare informalmente, con altri eurodeputati dell’ALDE, quanto sia fattibile l’accordo, Borrelli e Pittarello si fidano di Verhofstadt, che vuole candidarsi alla presidenza del Parlamento, convinti che riesca a convincere il suo gruppo.

Alla notizia del possibile ingresso del M5S, invece, i liberali si ribellano e lo fanno saltare clamorosamente. Il Movimento fa così marcia indietro, chiede scusa a Farage e gli chiede di restare nel suo gruppo. Politicamente, questa giravolta costa al Movimento l’intero capitale nell’unica valuta valida in campo internazionale: l’affidabilità. Nessuno, infatti, li potrà più considerare interlocutori credibili e affidabili se passano nell’arco di 24 ore dall’essere aspiranti liberali europeisti a feroci avversari della moneta e del progetto comunitari.

Grillo, come detto, è costretto ad assecondare ogni condizione imposta da Farage per la permanenza nel gruppo.

Richieste molto chiare: via Pittarello, via Borrelli, dichiarazioni pubbliche antieuropeiste, nessun candidato M5S al prossimo rinnovo delle commissioni.

Ma se il Movimento deve perdere il suo capo comunicazione, la copresidenza del gruppo e tutti i ruoli nelle commissioni, cioè quelli che permettono di “incidere” nel parlamento come dicono di voler fare, che senso ha restare?

La risposta è: ventitrè. Tanti sono i funzionari assunti dal Movimento per il fatto di appartenere a un gruppo parlamentare. La stragrande maggioranza è personale di fiducia dei parlamentari, attivisti, ex MeetUp, che perderebbero il posto se il M5S finisse nel gruppo misto.

Luigi Di Maio

Così, dopo anni di equilibrismo e ambiguità, Di Maio si esprime chiaramente come mai prima contro l’Euro (“a un referendum, voterei per uscire”), David Borrelli rinuncia alla copresidenza e Filippo Pittarello viene sostituito anzi, sacrificato, come dicevamo, sull’altare dei soldi e della fedeltà a Davide, che non perde nulla ma impone una persona di sua fiducia alla comunicazione del gruppo a Bruxelles.

Amen.

Di chi sono gli iscritti del Movimento 5 Stelle?

La domanda è: a chi appartengono gli iscritti del Movimento? All’associazione “Movimento Cinque Stelle” o all’azienda nei cui server sono contenuti tutti quei dati? E chi li gestirà in futuro quando sarà pronto un nuovo statuto del Movimento con precisi incarichi?

Questione spinosa che Casaleggio, Grillo e il Direttorio hanno già dimostrato di non saper gestire: gli espulsi, infatti, sono stati riammessi, a Roma e Napoli in particolare, perché l’Associazione Movimento Cinque Stelle, quella nata nel 2012 che aveva proceduto all’allontanamento dei militanti, non è quella a cui questi sono iscritti, cioè la “non-associazione” sancita dal “non-statuto”. Una presa in giro, nel migliore dei casi; un tentativo di furbata, nel peggiore, ma che certamente rispecchia la gestione che aveva in mente Gianroberto: “Io ho ragione, le leggi devono necessariamente stabilirlo; se non lo fanno, fate in modo che lo facciano”.

E’ su questo che si è consumata la più grande frattura sull’asse Milano-Genova, anche a causa del danno di immagine che queste vicende stanno provocando a Grillo.

Da un lato, per la Casaleggio conoscere il comportamento sulla piattaforma e sul blog degli iscritti ha un enorme valore commerciale. In questo caso, vale la massima molto nota nel settore: quando un servizio online è gratis, significa che il prodotto sei tu. Difficile che l’azienda rinunci a qualcosa di così importante, costruito in oltre dieci anni di campagne virali, spettacoli di Grillo, tour politici nei quali ha investito un patrimonio.

Dall’altro, sapere come la pensino gli iscritti di un certo territorio, su un determinato tema, o perfino gli stessi parlamentari, è un vantaggio competitivo non indifferente sia verso l’interno che verso l’esterno, per chiunque voglia guidare il partito: Di Maio, o chi per lui, se vuole prendere in mano le redini del Movimento deve avere accesso a quei dati. Sapere chi, nel gruppo parlamentare, ha votato pro o contro il direttorio, pro o contro l’abolizione del reato di clandestinità, pro o contro le unioni civili, ad esempio, farebbe la differenza.