Il senso di Di Maio per il potere

Come scalare un partito con gli amici e governarlo da solo

Vi ricordate il Direttorio del MoVimento 5 Stelle? Era quell’organo istituito da Grillo e Casaleggio all’indomani della sconfitta alle elezioni europee del 2014 per coordinare il M5S. Grillo era “un po’ stanchino”, aveva bisogno di aiuto, così con un post sul Blog diede a cinque persone, tra cui Luigi Di Maio, l’incarico di coordinare le attività del partito.

Difeso a spada tratta dai cinque come organo informale per tenere unito il MoVimento e aiutare i fondatori nella sua gestione, il Direttorio venne sciolto meno di due anni dopo e l’unico referente di Milano e Genova diventò Luigi.

Oggi, dopo la nomina di Di Maio a capo politico per le prossime elezioni, nel gruppo parlamentare si è ricominciato a parlare della necessità di scelte “collegiali”, di un mini-direttorio. Il Candidato ha stroncato subito l’idea: “non serve”. Perché ha cambiato opinione così nettamente?

Scordate tutto quello che sapete e avete letto fin’ora. Il Direttorio fu, in realtà, strumentale alla scalata di Di Maio al vertice; fu imposto ai due garanti dopo mesi di pressioni, nel momento di massima debolezza di Casaleggio a causa della sua malattia. Ora che le redini del MoVimento sono saldamente nelle sue mani, perché mai dovrebbe condividere il potere con i suoi avversari?

Scrive uno dei futuri membri del Direttorio:

“È evidente che Pizzarotti & company stanno tentando la scalata. È altrettanto evidente che noi dobbiamo fare una sola cosa: anticiparli e disinnescarli con le nostre qualità… Alcuni parlamentari, manovrati da Parma, stanno pensando ad azioni che, seppur destinate al fallimento, ci continueranno a logorare per i prossimi mesi”

Viene poi proposta la costituzione di una “squadra di referenti su singole materie” che sarà coordinata da una persona fidata:

E sarà Luigi Di Maio, la persona che ha più capacità (molto ma molte più di me) nel portare a termine questo compito.

Nel libro trovate anche la rabbiosa risposta dei fondatori, per nulla entusiasti di mandare in soffitta il Non Statuto, che vietava esplicitamente la creazione di un coordinamento o una segreteria.

Sarà la prima di decine di violazioni, piccole e grandi, che cambieranno pelle al MoVimento, rendendolo uno strumento nelle mani di pochi, scaltri carrieristi a Cinque Stelle.

Ricevi via mail ✉️ un riassunto di ciò che leggo 👀 e scrivo 📃  – 👉 Iscriviti qui 👈

Se vuoi una notifica 📲 quando scrivo un post, 👉 iscriviti al canale Telegram 👈