Algoritmo per i dissidenti: magari fosse una battuta

Chi ha davvero le chiavi del Movimento 5 Stelle?

Luigi Di Maio ha liquidato come una battuta da comico le parole con cui Grillo ha ironizzato, di nuovo, sulle espulsioni nel MoVimento 5 Stelle: “Faremo un algoritmo, se un parlamentare che hai votato non segue il programma è automaticamente espulso”.

Sarà anche una battuta, ma pochi si sono resi conto che gli strumenti che usa il Movimento permettono un controllo molto preciso sui comportamenti e le scelte di ciascun iscritto.

Rousseau, la piattaforma sviluppata da Casaleggio Associati e “messa a disposizione gratuitamente” è proprietaria: solo il produttore conosce il codice, quindi non è possibile escludere che gli amministratori della piattaforma, che siano i tecnici o i responsabili politici dell’Associazione Rousseau, possano verificare le attività di ciascun iscritto, parlamentari inclusi.

Se queste informazioni fossero a disposizione di tutta la comunità, non ci sarebbe nessun problema. Ma visto che sono poche le persone ad avere accesso a tutti i dati, e che l’informazione è potere, c’è un evidente squilibrio. Questo è uno snodo fondamentale per fare chiarezza sui criteri — del tutto arbitrari — per i quali molte liste a cinque stelle sono state respinte: senza certificazione non possono usare il logo e quindi candidarsi.

Sarebbe interessante sapere, ad esempio, quanti candidati sindaco respinti dallo “Staff” avevano votato contro la formazione del direttorio nella consultazione sul Blog del 2014, e quanti di quelli certificati avevano votato a favore.

Solo lo Staff potrebbe fare chiarezza: e questo è esattamente il problema.

Ricevi via mail ✉️ un riassunto di ciò che leggo 👀 e scrivo 📃  – 👉 Iscriviti qui 👈

Se vuoi una notifica 📲 quando scrivo un post, 👉 iscriviti al canale Telegram 👈